fbpx
Antonio Cornacchia | Studio creativo

casiraghy

 

Cos'è Awand? Una rivista nazionale di carta, trimestrale e a tiratura limitata dedicata alle arti e alla creatività. Ricca di lunghe interviste esclusive ad autrici e autori di tutti i campi e linguaggi dell’arte e di quei settori in cui la creatività fa la differenza.

Ho cominciato a immaginarla molto tempo fa ma solo nel 2020 – dopo lustri in cui ho lavorato a progetti digitali e locali - ho deciso finalmente di farla diventare un oggetto concreto, da tenere fra le mani e sfogliare con calma e attenzione.

 

 

Su Awand intervistiamo uomini e donne in grado di raccontare storie interessanti, anzi, il cui lavoro è interessante, perché siamo quello che facciamo. Persone che usando i linguaggi delle arti innescano riflessioni, mettono in dubbio le nostre certezze, ci rendono (anche solo un po’) più consapevoli di chi e cosa siamo, di cosa facciamo, di quello che succede dentro e intorno a noi tutti.

Fra i nomi intervistati nei primi numeri Francesco Tullio Altan, Carmen Pellegrino, Elio De Capitani, Federico Dragogna dei Ministri, Enzo e Lorenzo Mancuso, Alberto Zanchetta e Flaminio Gualdoni, Igort, Gianfranco Pannone, Andrea Donaera, Ilaria Urbinati. Alle interviste si aggiungono tre monografie, la prima è poetica, la seconda è fotografica, la terza raccoglie le illustrazioni di alcuni fra i più bravi disegnatori italiani.

 

 AA copertina

 

Ad affiancarmi in questo progetto (che mi vede nella veste di direttore e art director) vecchi e nuovi compagni d’avventura convinti come me che sia possibile dare vita a una rivista che vada in profondità. Degli intervistati vogliamo conoscere la formazione, la carriera, la poetica, il metodo e soprattutto le motivazioni: vogliamo capire perché queste persone suonano, dipingono, filmano, scrivono, eccetera. Vogliamo osservare il processo creativo per scoprire le urgenze che fanno nascere le opere, i suoni, le azioni.

È un progetto a cui tengo molto, piccolo ma di grande significato, che posso realizzare grazie al sostegno e alla collaborazione della Fondazione Rossi, all’affiancamento di un editore prezioso come Squilibri di Roma, al contributo di aziende attente alla qualità come Decor srl e Novaluna srl.

La rivista è in vendita in librerie e locali selezionati in tutta Italia e per abbonamento sul sito www.awand.org, dove sono accolti anche tutti i contenuti che non trovano spazio sulla carta.

 

altan

altan

altan

altan

altan

altan

altan

altan