Antonio Cornacchia | Studio creativo

Sono un grafico, un grafico pubblicitario, un progettista grafico...

Un art director, un creativo, un graphic designer, un communication designer... Ci sono molti modi per definire quello che faccio; in buona sostanza sono un libero professionista e mi occupo di grafica per la comunicazione. Dai primi anni Novanta lavoro per aziende, enti, associazioni, istituzioni e studi professionali. 

Studio campagne pubblicitarie, progetto marchi e immagini coordinate, realizzo siti web e gestisco la presenza sui social per i miei clienti. Progetto la grafica per stampati e per ogni applicazione — anche digitale — della comunicazione visiva.

Sono il versante creativo della comunicazione nel settore del marketing, anche per la cultura e per il non profit, oltre che in quello industriale e commerciale. Le mie consulenze sono dedicate ai media tradizionali, a quelli digitali e a quelli non convenzionali.

Contribuisco per il versante visivo a progetti di audience development per istituzioni e manifestazioni culturali. Sono art director per aziende, per associazioni e per campagne politiche. Qui c'è un elenco quasi completo di quello che posso fare.

 

antonio

 

Bio

Sono nato nel 1967, ho studiato all'Accademia delle Belle Arti, ho dipinto, disegnato vignette e fumetti. Ho iniziato usando matite, pennarelli, carta e colla perché all'epoca i computer erano grandi come un camion e li aveva solo il Pentagono ;)

Ho dato vita a numerose iniziative e rassegne culturali. Ho fondato giornali, ho fatto radio e una figlia (il ritratto qua sopra l'ha scattato lei).

Sono giornalista pubblicista, direttore dal 2008 al 2019 della rivista non profit Vorrei. Nei miei articoli mi occupo soprattutto di arti visive e performative, di politiche culturali e di promozione del territorio.

Molti mi chiamano Ant, che sta per formica.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.